domenica, gennaio 17, 2021

ABBIAMO VISTO I PRIMI DUE EPISODI DI WANDAVISION: LA NUOVA ERA MARVEL INIZIA IN CHIAVE SITCOM

Wandavision

di Matt Shakman

con Elizabeth Olsen, Paul Bettany

Stagione 1

Episodi 1-2

durata: 30’ circa

Dopo un anno privo di nuovi prodotti Marvel in uscita, ecco che il grande colosso è tornato sul (piccolo) schermo con una serie tv: Wandavision.

Grande attesa, a partire dall’annuncio, per un prodotto particolare e diverso dal solito.

I protagonisti sono Wanda e Visione, che il pubblico ha potuto conoscere nei capitoli cinematografici. Da personaggi praticamente secondari si sono trasformati nei protagonisti di questa serie tv, della quale, per il momento, sono disponibili su Disney Plus solo i primi due episodi e gli altri saranno a cadenza settimanale. 

La coppia è al centro di una vera e propria sitcom anni 50, con tanto di sigla, risate e applausi finti, ma si tratta in realtà di una creazione della mente di Wanda che, non accettando quanto avvenuto in uno dei lungometraggi Marvel, si è praticamente inventata di sana pianta una realtà alternativa e positiva dove poter vivere serenamente con la propria metà.

Il filo conduttore dei primi due episodi sembra essere il riuscire a mascherare la vera natura dei coniugi agli occhi degli altri e, tra siparietti comici e situazioni assurde, riescono, piano piano, ad inserirsi nella realtà dell’epoca e farsi accettare da tutti coloro con i quali entrano in contatto.

Ogni episodio, però, almeno per il momento, ha comunque sempre un momento particolare dove i due sono costretti ad usare i loro poteri differentemente da quanto fatto fino a poco prima, per salvare una situazione che potrebbe ritorcersi contro di loro.

Apprezzabile maggiormente da un pubblico che, naturalmente, ha visto e conosce i film Marvel e ai quali può fare continui riferimento, “Wandavision” è comunque una serie intrigante anche per un pubblico che ha meno dimestichezza con il mondo dei supereroi.

Con questa serie tv si apre ufficialmente la fase 4 dei Marvel Studios che si preannuncia interessante e ricca di tante novità.

Per i più appassionati e attenti il compito di trovare tutti gli Easter Eggs all’interno dei vari episodi che compongono la serie non sarà difficile, ma anzi molto divertente.

Ma lo scopo principale, per tutti, è quello di capire cosa succede ai due neo sposini, chi sono veramente, da dove vengono e cosa significano tutti i fenomeni che si stanno verificando intorno a loro.

Non resta che aspettare, quindi, i prossimi episodi per avere sempre più risposte a tutti questi quesiti, conoscere meglio i due protagonisti e magari incontrare anche altri personaggi già apparsi nei precedenti lungometraggi.


Veronica Ranocchi

martedì, gennaio 12, 2021

LE CLASSIFICHE DE ICINEMANIACI 2020

 Carlo Cerofolini

1. Diamanti grezzi (B. Safdie, J. Safdie)

2. Mai raramente a volte sempre (E. Hitmman)

3. Roubaix, una luce (A. Desplechin)

4. Volevo nascondermi (G. Diritti)

5. Mank (D. Fincher)

6. I miserabili (L. Ly)

7. Favolacce (D. e F. D'Innocenzo)

8. Jojo Rabbit (T. Waititi)

9. L'amore a domicilio (E. Corapi)

10. Richard Jewell (C. Eastwood)



TFK

1. Sorry we missed you (K. Loach)

2. Wolfwalkers (T. Moore)

3. Sto pensando di finirla qui (C. Kaufman)

4. Mai raramente a volte sempre (E. Hittman)

5. Diamanti grezzi (J. e B. Safdie)

6. The lighthouse (R. Eggers)

7. Undine (C. Petzold)

8. Il re di Staten Island (J. Apatow)

9. Hidden life (T. Malick)

10. Alice e il sindaco (N. Pariser)



Veronica Ranocchi

1. Jojo Rabbit (T. Waititi)

2. Soul (P. Docter)

3. Mai raramente a volte sempre (E. Hittman)

4. Palm springs - vivi come se non ci fosse un domani (M. Barbakow)

5. Onward (D. Scanlon)

6. 1917 (S. Mendes)

7. Tenet (C. Nolan)

8. Ema (P. Larrain)

9. Sto pensando di finirla qui (C. Kaufman)

10. Mank (D. Fincher)

venerdì, gennaio 08, 2021

PIECES OF A WOMAN

Pieces of a woman

di Kornél Mundruczó

con Vanessa Kirby, Shia LaBeouf, Molly Parker

USA, Canada, 2020

genere: drammatico

durata: 128’

Presentato alla mostra del cinema di Venezia “Pieces of a woman” è il primo film americano per il regista ungherese Kornél Mundruczó.

La storia è quella della giovane Martha che, insieme al suo compagno Sean, aspetta una bambina. Il film, scandito da alcune date che mostrano allo spettatore lo scorrere del tempo, inizia con la donna ormai in procinto di partorire che ha deciso di dare alla luce il figlio in casa. Ad aiutarla l’ostetrica Eva, inviata in sostituzione di quella con la quale avevano accordi che, a causa di un contrattempo, non ha potuto assistere la giovane coppia. Per un presunto errore da parte della nuova ostetrica il parto ha un esito tragico e il lungometraggio si concentra sull’elaborazione del lutto da parte della giovane coppia e su tutta una serie di dinamiche che si vengono a creare a seguito di questo fatto.

Se da una parte vediamo le rivendicazioni da parte di molti, esterni alla vicenda, subito pronti a puntare il dito verso l’ostetrica o comunque a cercare di ottenere vendetta, dall’altra notiamo un cambiamento progressivo in Martha che cerca di interrogarsi e di comprendere le ragioni che l’hanno portata a questa situazione.

La giovane, interpretata da una superba Vanessa Kirby, riesce ad “insinuarsi” nel pubblico e a renderlo partecipe della sua sofferenza. Magnifico, a tal proposito, il piano sequenza iniziale attraverso il quale veniamo catapultati all’interno di un parto, tutt’altro che semplice, e lo facciamo non da spettatori passivi, ma quasi da personaggi vicini alla protagonista. La sua sofferenza è anche la nostra, le sue paure sono anche le nostre e le sue reazioni sono anche le nostre. La grande capacità dell’attrice risiede proprio in questo, nel mostrarsi completamente alla macchina da presa.

E la sua sofferenza continua per tutta la durata del film, spesso in un silenzio estenuante ed esasperante che non fa comprendere a chi la circonda quello che le passi per la testa e perché reagisca in un certo modo piuttosto che in un altro. In realtà Martha sta metabolizzando l’accaduto e sta cercando di reagire in una maniera il più razionale possibile.

Ma il “Pieces of a woman” del titolo non fa riferimento solo e soltanto a Martha. Perché non è solo lei la vittima dell’intera storia (oltre alla bambina, naturalmente). Anche Eva, l’ostetrica accusata immediatamente da chiunque di essere la responsabile della morte della piccola, deve sottostare ad un processo mediatico e reale che la vede diventare il capro espiatorio dell’accaduto.

Un film forse a tratti lento, ma che fa leva sulle prove attoriali dei protagonisti, in particolare quella di Vanessa Kirby, per la quale l’attrice britannica ha già ottenuto più che meritatamente la Coppa Volpi a Venezia e ha messo la sua firma in vista dei prossimi Oscar, per i quali è praticamente d’obbligo una candidatura.

Una travolgente storia di emozioni che spesso si sofferma con attenzione su dettagli apparentemente insignificanti, ma che aiutano la comprensione di tanti aspetti. Una regia che accompagna il pubblico e gli interpreti e lo fa scavando a fondo, ma senza dare giudizi di nessun tipo.

Una buonissima prova sotto tutti i punti di vista.


Veronica Ranocchi

venerdì, gennaio 01, 2021

BUON ANNO 2021

 

                                            Three Woman di Robert Altman (USA, 1977)

lunedì, dicembre 28, 2020

TUTTI PER 1 - 1 PER TUTTI

Tutti per 1 – 1 per tutti

di Giovanni Veronesi

con Pierfrancesco Favino, Valerio Mastandrea, Rocco Papaleo

Italia, 2020

genere: commedia, avventura, drammatico

durata: 115’

Con Giovanni Veronesi tornano sullo schermo i tre moschettieri.

A riprendere i propri ruoli Pierfrancesco Favino, Valerio Mastandrea e Rocco Papaleo. All’appello manca solo Sergio Rubini.

Anche stavolta i protagonisti devono affrontare una nuova missione, richiamati dalla regina Anna d’Austria. Nonostante l’età sempre più avanzata e lo scetticismo generale, dato dalle loro recenti dimostrazioni, la donna si decide nuovamente ad affidare loro una missione segreta per la quale vengono guidati da un singolare veggente, Tomtom. Tra le varie peripezie e avventure D’Artagnan, Athos e Porthos avranno a che fare anche con la piccola principessa Ginevra, figlia di Enrichetta d’Inghilterra e con il giovanissimo orfanello Buffon, perdutamente innamorato della bella fanciulla.

Con una strizzata d’occhio alla realtà che ci circonda, ben descritta dalla prima sequenza nella quale vediamo una classe intenta a salutarsi utilizzando le mascherine, la commedia di Veronesi mescola sapientemente due generi così diversi e distanti, ma al contempo anche complementari per certi aspetti: la comicità e il fantastico.

Una storia come quella dei moschettieri, che troverebbe terreno fertile come prodotto americano o comunque estero, risulta, alla fine dei conti, un validissimo titolo italiano perché il regista riesce ad amalgamare tutti gli elementi. Dal cast, indubbiamente riuscito e ben assortito, che punta sui rispettivi punti di forza, alle location e ai dialoghi, sempre funzionali a portare la giusta risata nel momento giusto.

Dalle certezze fornite dai tre protagonisti (e dai tre fantastici interpreti), in questo secondo capitolo, si passa a volti nuovi che arricchiscono una trama ancora più fiabesca e quasi assurda e paradossale.

Una sorta di parentesi temporanea dalla realtà e dalle problematiche che questa, soprattutto in questo ultimo periodo, sta offrendo è quello che ci mostra Veronesi con il sequel di una commedia riuscita ed apprezzata. Una momentanea evasione dalla quotidianità in grado di far dimenticare tutto.

Con vari rimandi alla commedia all’italiana, ma anche a una teatralità esagerata (intensificata dal trucco sui volti dei moschettieri) “Tutti per 1-1 per tutti” è il giusto connubio tra sogno e realtà e tra comicità e serietà. Un titolo in grado anche di emozionare e far viaggiare, non soltanto di divertire.

E se a questo sommiamo anche la scelta di una colonna sonora e di una canzone che, per certi versi, sembra essere un cazzotto in un occhio nei confronti della trama principale, ma per certi altri è azzeccatissima perché riesce a descrivere attraverso la musica ciò che viene mostrato, troviamo tutti gli ingredienti in grado di dar vita a un prodotto più che riuscito.

Anche perché siamo un po’ tutti come il piccolo Buffon e, ora più che mai, abbiamo bisogno di staccare e iniziare a viaggiare, che sia fisicamente o solo mentalmente. E grazie a Veronesi lo facciamo per il momento attraverso uno schermo.


Veronica Ranocchi

domenica, dicembre 27, 2020

SOUL

Soul

di Peter Docter, Kemp Powers

USA, 2020

genere, animazione

durata, 100'





"Il paradiso può attendere". L’affermazione mutuata dall'omonimo film del 1978 diretto da Warren Beatty potrebbe essere uno degli slogan con cui riassumere l’assunto che ci cela dietro l’ennesima meraviglia di Casa Pixar. “Soul”, questo il titolo del lungometraggio diretto da Peter Docter, ruota attorno al sogno dell’insegnante di scuola media Joe Gardner (cui nella versione originale presta voce Jamie Foxx), deciso a tutto pur di non mancare l’appuntamento della vita rappresentato dalla possibilità di mettere a frutto il proprio talento suonando nel quartetto Jazz più famoso della città. E qui risulta utile tornare per un attimo al titolo del film perché quello scelto dal regista è sì il riferimento all’anima musicale del film e a quella del suo personaggio principale, pianista dalla classe sopraffina, ma ancora lungi dall’essere compresa e riconosciuta, ma anche un'allusione alla materia fantasmatica di una storia in bilico tra cielo e terra, luogo dove l’anima di Gardner nel frattempo vorrebbe tornare dopo essersi staccata dal corpo a causa dell’incidente mortale di cui rimane vittima il protagonista.



Ambientato in parte a New York, in parte in una sorta di limbo chiamato You Seminar in cui le anime ancora imberbi ricevono l’imprinting emotivo destinato a caratterizzarne la vita materiale, “Soul” ricalca le gesta di un film come “Inside Out” per la fantasia con cui riesce a razionalizzare e rendere propedeutiche alla visione una delle componenti più ineffabili delle nostre credenze. Se infatti nel film del 2015 diretto dallo stesso Docter le ”matite” della Pixar esploravano la mente della piccola protagonista per metterne in scena l’origine e l’interazione di pensieri ed emozioni, questa volta a fare la parte del leone è la cosmogonia dell’altrove metafisico rappresentato dal luogo in cui ha inizio, o almeno dovrebbe averlo secondo gli autori del film, il nostro stesso essere. Un universo magico e cangiante che "Soul" immagina attraverso la stilizzazione di figure e paesaggi caratterizzati da una prevalenza di linee e geometrie utili a rendere visibile una realtà di per sé trasparente e intangibile.



Scandito da un viaggio allo stesso tempo fisico e esistenziale, fiabesco e filosofico, e incentrato su due personaggi da buddy movie, con Gardner chiamato suo malgrado a fare da mentore a un’allieva intelligente e ribelle conosciuta con il nome di 22 (Tina Fey), “Soul” è una favola sull’amicizia e sul senso della vita - ancora una volta individuato dal motto relativo al carpe diem latino - la cui classicità è tale da far nascere oramai spontanea la percezione di trovarsi di fronte a uno spettacolo che non perde nulla, ma anzi ha qualcosa in più sia in termini formali (tridimensionalità e immaginari movimenti di macchina sono all’altezza del migliori film di finzione) sia delle argomentazioni rispetto al resto del cinema d’autore.



In questo senso “Soul” mette a frutto nel migliore dei modi la possibilità di poter tradurre senza alcun limite la fantasia dei suoi autori consegnando alle immagini una rappresentazione della vita capace di riempire gli occhi dello spettatore con una serie di performance visive - in particolari quelle post vita presenti nel corso del pellegrinaggio ultraterreno dei protagonisti - degne delle più riuscite produzioni Pixar. Non senza menzionare la peculiarità di una sceneggiatura, che qui come in altri lavori della major americana evita riferimenti diretti ai fatti della Storia trasfigurandoli in modo più nascosto quando si tratta di rileggere la contemporaneità attraverso pensieri e fatti comprensivi dei dubbi e delle paure scaturite dall’inconscio collettivo cui “Soul” offre una catarsi lenitiva delle vicissitudini del tempo presente. Per cui, fermo restando la nostra gratitudine nei confronti della Festa del cinema di Roma che ha scelto il film per aprire l’edizione 2020, è davvero un peccato che al di fuori della manifestazione capitolina chi lo vorrà vedere lo potrà fare solo attraverso la piattaforma Disney che lo distribuirà in esclusiva a partire dal 25 dicembre prossimo venturo. Nel buio della sala e sul grande schermo “Soul” è destinato a imprimersi nella memoria con ben altra suggestione.

Carlo Cerofolini

(pubblicata su ondacinema.it)


sabato, dicembre 26, 2020

INVISIBILI: 6 YEARS

6 years

di: Hannah Fidell

con: Taissa Farmiga, Ben Rosenfield, Joshua Leonard, Lindsay Burdge, Dana Wheeler-Nicholson

- USA 2015 -

77’





He’s watching time

he’s watching, marching to his end

He knows time

he sees it

know it, know it, know it

— Throwing Muses —



Sarebbe il caso di frequentare con maggiore assiduità la schizofrenia. Se non altro si arriverebbe - perché no ? - a inquadrare con più accurata approssimazione almeno l’inutilità caleidoscopica di tanti aspetti della cosiddetta realtà, tipo quella che presiede alla compilazione dei palinsesti delle piattaforme televisive. Poca cosa, si obietterà. D’accordo. Eppure, talvolta, rovistando tra le loro glitterate interiora - nel caso, quelle di Netflix - può capitare di imbattersi in segmenti cinematografici che stonano talmente con la logica di base (eh ?) dei rispettivi contenitori da riuscire a risaltare oltre i propri meriti (leggi, volendo: limiti).


Coppia covalente dai sobborghi residenziali di Austin Tx (il film è stato girato in loco contemplando fuggevoli squarci riconducibili alle astrazioni allusive di certe ricorrenze care a Hockney), Melanie Clark, detta Mel/Farmiga (Taissa, figlia di Vera) e Dan Mercer/Rosenfield - la cui gestalt e l’ubi consistam sono rappresentati da una prossimità elettiva ed esclusiva, dorata e semi-impermeabile che rimonta indietro nel passato di una giovinezza ancora in costruzione per i fatidici 6 anni del titolo - stanno di preferenza appiccicati come lappole, ciarlano, scazzano, si accoppiano, assecondano personali inclinazioni (la musica per Dan, come praticante per una agguerrita etichetta alternative-rock; l’idea dell’insegnamento coi più piccoli per Mel), con il mondo, allo stesso tempo, lontano sullo sfondo indistinto a ruminare gli eterni precetti della cosiddetta età adulta e qua e là dappresso grazie al digrignare impercettibile ma caratteristico dei suoi denti da sempre pronti ad affondare nelle aspettative delle carni nuove e a rimescolare equivoci, minute bassezze, goffaggini travestite da insolenze, scampoli di egoismo ignorati per non intaccare l’incanto di giorni in apparenza senza confini.



80 minuti scarsi; confezione tardo-indie, un po’ retromania perduta, un po’ inventario sentimentale, un po’ effetto neve senza schermo; dietro le quinte i fratelli Duplasse edotti nelle descrizioni succinte di stati d’animo disadorni e sofferenze dissimulate a riparo di una relativa sicurezza sociale e di una coscienza avvertita perché fondamentalmente adusa a essere informata, istruita e ambiziosa; dialoghi in linea con una quotidianità post-adolescenziale eccitata e prodiga di sé, languida e inquieta; un cuore espressivo che pulsa addosso ai suoi protagonisti - efebici e spontanei - cercandoli, lambendoli, braccandoli per far balenare lo splendore momentaneo di una intuizione presto lasciata cadere (pensiamo, per dire e per restare in territori ben disposti verso melodie timido-aggressive e/o sbilenche, a “Shocker in gloomtown” di The Breeders); lo smarrimento atono o l’esaltazione incongrua per un comune contrappunto emotivo; la fatica sorridente di passare da una distrazione all’altra con il sospetto privo di spiegazione per cui la vita autentica si stia svolgendo altrove (un altrove, manco a dirlo, che si allontana a ogni promessa partorita dalla stordente cripto-dittatura digital-commerciale); lo spettro intramuscolare di una solitudine la cui vastità e pienezza non si è più nemmeno in grado di disprezzare ma si contempla, nel silenzio e assorti, come frutto essiccato così incredibilmente reperibile a poco prezzo…



Per questo, allora, e perché rappresentano una evidenza innegabile quanto sottomano, si usano i corpi anche come strumenti di smemoratezza, in una maieutica dell’apprendimento che giocoforza include la menzogna e il succedaneo delle tentazioni (Dan ci da dentro con Amanda/Burdge - sua collega alla casa discografica dalla quale attende un inserimento in pianta stabile con tanto di ventilato trasferimento a New York - con l’animo astioso/contrito per le ruggini ricorrenti con Mel; Mel, sbronza, si libera appena in tempo di un tizio rimediato proprio malgrado a una festa e assai intrigato dalla sue lattee grazie); si pende dagli sguardi dell’altro/-a con quella radicalità ingenua ma pensierosa che - mettiamo - il Cinema di Sofia Coppola ha barattato per una arguzia e una sofisticazione formale figlie dell’attuale girare a vuoto attorno a pose/mode comunque reversibili in disinvolte abiure delle medesime. Si galleggia, in sostanza, sulla schiuma insidiosa di una modernità agonizzante che pare non esigere nulla da nessuno ma implica, per la natura subdola della propria pervasiva efficacia capace di svuotare ogni cosa del suo ipotetico valore allo scopo di apporvi sopra, banalmente, un prezzo (mesta trappola delle culture ossessionate dal raggiungimento di uno scopo), la marginalizzazione immediata di qualunque comportamento riluttante ad assoggettarsi alla sua inerzia. Ai bordi del crinale affacciato sull’orrido che sancisce la fine degli anni migliori Mel e Dan infine si ritrovano, si guardano, si apostrofano spergiurando di amarsi, ma si accorgono di non riconoscersi più (Mel: ”Tell me you love me and you want to spend the rest of your life with me”. Dan: ”… I … I’m sorry…”). E’ poco ? O addirittura troppo ?

TFK

MANK

Mank

di David Fincher

con Gary Oldman, Amanda Seyfred, Lily Collins

USA, 2020

genere, drammatico, storico, biografico

durata, 131'



Dicevano i registi della Nouvelle Vague come pure il nostro Bernardo Bertolucci che un’opera in grado di raccontare una storia e al contempo di riflettere sullo strumento cinematografico avesse in se le caratteristiche per dirsi riuscita prima di iniziare a girarla.


Se diamo per buono il concetto e proviamo ad applicarlo al nuovo film di David Fincher ci si trova in un solo colpo di fronte a un’opera predestinata al successo fin da quando Netflix ha deciso di metterne in cantiere la produzione.


Delle caratteristiche appena menzionate Mank fa infatti sfoggio sia  quando si tratta di raccontare la tormentata stesura del copione di Quarto Potere dal punto di vista di chi – Herman Mankiewicz –  fu incaricato di scriverne il copione, sia quando si tratta di metterlo in scena facendo delle immagini della tormentata gestazione la diretta conseguenza delle parole che di mano in mano vengono battute sullo schermo dai tasti della macchina da scrivere compulsi dalla febbrile ossessione del protagonista.




Discorso sui massimi sistemi


Parlare di Quarto Potere e della sua maledizione equivaleva a scomodare la storia della settima arte ai suoi livelli più alti, assumendosi con ciò la responsabilità di confrontarsi con un discorso sui massimi sistemi che nell’acerrimo confronto  tra l’arte del cinema e la sua industrializzazione e nella scelta di una narrazione archetipica, ridotta cioè a poche ed emblematiche figure, ognuna con una sua precisa caratteristica e personalità, si spostava inevitabilmente su un ragionamento più generale in cui i concetti di bene e male, integrità e corruzione, verità e manipolazione diventavano la trasfigurazione delle opposte forze messe in campo dal film.



Giullare di corte


Al cospetto di un appuntamento così importante  Mank si comporta come tutte le grandi opere post moderne mischiando cultura alta e bassa, privilegiando comunque un atteggiamento non dogmatico mettendone a capo una figura come quella di Mankiewicz, destinato a comparire nel palcoscenico dei grandi nelle vesti del giullare di turno (in questo avvicinandosi al tono e ai personaggi presenti nell’opera dei fratelli Coen), vero e proprio guitto – nonostante il milieu intellettuale – e come quello destinato a divertire la corte ma dalla stessa al momento giusto a esserne congedato.


E non solo: perché con uno scarto che non lascia indifferenti relega il vero protagonista della vicenda – Orson Welles – nella parte del comprimario. Sorte anche peggiore tocca a chi di solito è abituato a stare in prima fila sul palcoscenico dello spettacolo.


A meno che non sia indispensabile (Marion Davis, amante del magnate dell’editoria William Randolph Hearst alias Charles Foster Kane), a essere cancellati sono proprio i  divi del grande schermo, quelli che di solito in operazioni del genere diventano aneddoti messi a corollario della storia.


Nella rivincita della parola sull’immagine Mank inverte per una volta l’ordine dei fattori lasciando spazio alle figure di contorno come sceneggiatori, impiegati, macchinisti, operatori di macchina, segretarie e cioè a tutte quelle persone abituate a lavorare nell’ombra e qui invece chiamate a completare la compagnia degli invitati al ballo.




La forma


A rimanere sontuosa come sempre e forse di più è la cornice dell’azione, di quello sfondo che nei film di Fincher diventa parte essenziale della composizione, come sottolinea non solo l’insisto ricorso a campi medi e lunghi atti a valorizzarne linee, geometrie e dècor ma anche in termini narrativi concorrendo nei dettagli degli elementi presenti in scena a suggestioni come quella che rimanda a Lo Sceicco Bianco di Federico Fellini i cui echi riecheggiano nella sequenza in cui Mankiewicz dopo aver scorto dalla feritoia di un cespuglio la presenza di un set cinematografico  ha modo di fare conoscenza con l’attrice che vi è impegnata e cioè di Marion Davis vestita di bianco ed elevata (come peraltro capitava ad Alberto Sordi)  a divinità di un proscenio di segno però opposto per il disincanto e la consapevolezza che i personaggi felliniani non avevano.


Se la forma di Mank  rimanda in parte al film in corso d’opera, in parte  a quelli dell’epoca in cui si svolge la vicenda (soprattutto nel bianco e nero della fotografia, piatta e pastosa come lo era quello dei film degli anni 40), Fincher non esplora lo spazio ma lo disegna, lo mette in posa come si capisce confrontando la diversità di scelte operate dal regista di Denver rispetto per esempio a quelle di Martin Scorsese in The Aviator nella sequenza all’interno del locale notturno in cui la mdp si chiude sui personaggi anziché investigare la superficie circostante con dolly, carrellate e aperture di campo come fa invece Scorsese.



Stasi più che azione


Simile per origini e sviluppi di carriera a Ridley Scott – al quale lo avvicinano non solo gli inizi legati all’arte della pittura da entrambi frequentata, e quindi una particolare predisposizione nella composizione delle scene ma anche una predilezione per la rilettura dei generi, il nostro ha saputo passare dalla sintesi stilistica degli inizi,  praticata per il tramite dei videoclip (peccato originale che anche a Fincher è stato fatto scontare) a un passo narrativo che di volta in volta è diventato sempre più meditativo e compassato soprattutto laddove – e nel caso parliamo di una vera e propria progressione in opere quali Seven, Zodiac, The Social Network e Gone Girl (in cui sono presenti addirittura inquadrature vuote)- c’era da aspettarsi un concentrato di azione e movimento.


Mank lo conferma dapprima trattando la storia di un uomo abituato a far prevalere le parole, enfatizzandone la tendenza mostrandolo sdraiato su un letto incapace di deambulare a causa di un incidente; in generale facendo della ragione l’arma principale con cui Mankiewicz si batte contro il sistema surrogando di fatto l’azione, vero e proprio epigono di una serie di personaggi – quelli creati da Fincher – destinati a fare i conti nel bene e nel male – con le capacità della propria mente anche dove – e per esempio in Fight Club – il corpo sembrerebbe prevalere.


D’altronde è per primo il regista a chiedersi la ragione ultima che muove il comportamento dei suoi protagonisti, come attesta la doppia sequenza che vede il personaggio di Ben Affleck nel già citato Gone Girl domandarsi, con chiara apprensione quale sia l’autentica matrice dei pensieri che abita la mente della sua sfuggente consorte interpretata da Rosamund Pike.   



Ambiguità


Un discorso, questo, che ci porta a un’altra caratteristica  della poetica fincheriana presente  non solo attraverso il personaggio di Mank ma anche con l’illusione artificiale della messinscena.



Da una parte infatti il protagonista dissacra le storture e i sotterfugi del sistema impegnato a conservarsi; dall’altra ricostruendone la mitologia con l’accuratezza della messinscena ne rafferma la centralità nell’immaginario comune.


Valga per tutte la conclusione del film in cui il personaggio di Gary Oldman denuncia la menzogna dei meccanismi del cinema che riconosco a Welles la condivisione di un riconoscimento (alla migliore sceneggiatura) non meritato avallandone l’inganno in nome della magia della settima arte.


Peraltro tutto il cinema di David Fincher fa dell’ambiguità uno dei suoi tratti principali, quello destinato dapprima ad alimentarne la narrazione e poi a legittimarie gli esiti  con sequenze finali come quella di Mank che ne registrano la effettiva continuità.


Carlo Cerofolini


(pubblicata su taxidrivers.it)

sabato, dicembre 19, 2020

10 GIORNI CON BABBO NATALE

10 giorni con Babbo Natale

di Alessandro Genovesi

con Fabio De Luigi, Valentina Lodovini, Diego Abatantuono

Italia, 2020

genere: commedia

durata: 100’

Disponibile su Prime Video, “10 giorni con Babbo Natale” di Alessandro Genovesi è il sequel di “10 giorni senza mamma” con il ritorno del cast iniziale.

La divertente commedia natalizia ruota intorno alle vicende di una famiglia. Carlo e Giulia sono una coppia con tre figli che cercano di gestire, nel migliore dei modi, la propria vita. Lui è disoccupato e alla ricerca di un lavoro che possa renderlo soddisfatto e aiutare concretamente la propria famiglia, lei, invece, è talmente presa dal suo lavoro che sembra, spesso, dimenticare la propria famiglia. A fare da contorno ai due genitori ci sono tre figli: la piccola Bianca, il preadolescente Tito, un po’ troppo convinto delle proprie idee di estrema destra e l’adolescente Camilla, convinta di dover salvaguardare l’ambiente. La loro vita sembra scorrere in un’apparente “monotonia” finché a Giulia non viene offerto un posto di lavoro in Svezia. Per non disgregare troppo quella che sembra già una situazione traballante, Carlo decide di riprendere il vecchio camper con il quale avevano fatto le vacanze lui e la moglie appena sposati per portare tutta la famiglia fino in Svezia e passare, così, il Natale insieme. Tra dubbi e preoccupazioni la famiglia parte finché, ad un certo punto, non incontra Babbo Natale che chiede loro un passaggio. E non si può certo dire di no a Babbo Natale…

La commedia di Genovesi diverte ed entusiasma il pubblico, senza troppe pretese e ricorrendo a situazioni tipiche di film del genere.

Fin dai primi istanti si delineano molto bene i personaggi (che avevamo già incontrato e imparato a conoscere nel primo film) che vengono costruiti, con l’andare avanti della storia, in base a decisioni e comportamenti. Impariamo ad entrare subito in empatia con loro e a capire il perché del loro essere in un certo modo. Ci divertono e ci aiutano a riflettere, come il piccolo Tito che ci viene presentato in maniera molto divertente mentre, da sonnambulo, tira uno schiaffo al padre che sta dormendo, senza rendersene conto, ma che poi subisce un’evoluzione molto interessante fino al termine della storia. Allo stesso modo anche tutti gli altri personaggi che riescono a migliorarsi e a capirsi in maniera autonoma e solo apparentemente grazie all’aiuto di Babbo Natale. Questi, come nella migliore delle tradizioni, ha il compito di portare la gioia e la felicità nei cuori di tutti e, quindi, ha il dovere di riportare l’equilibrio e la serenità in questa famiglia. Il suo aiuto, però, consiste nel far aprire loro gli occhi e far comprendere i propri errori per migliorarsi. Il tutto condito con tanti momenti divertenti, la maggior parte dei quali dovuta al protagonista della pellicola, un Fabio De Luigi in splendida forma che si disegna addosso il personaggio di Carlo e che è appoggiato dall’altrettanto brava Valentina Lodovini, più “drammatica” in questo capitolo.

Con l’escamotage del Natale e il ricorso alla figura per eccellenza della festa, Genovesi porta sullo schermo una commedia che ha al centro problemi familiari, problemi reali e contemporanei e cerca di districare tutti i nodi che si vengono a creare nel corso della vicenda (e del viaggio).

Un film di Natale da guardare con tutta la famiglia perché ha uno sguardo più adulto e uno più infantile, per ridere insieme e riflettere con molta calma come ci insegna il simpatico Babbo Natale interpretato da Diego Abatantuono.


Veronica Ranocchi

domenica, dicembre 13, 2020

THE PROM

The prom

di Ryan Murphy

con Meryl Streep, James Corden, Nicole Kidman

USA, 2020

genere: commedia, musicale

durata: 132’

Ennesimo prodotto di Ryan Murphy e, quindi, musica. Il creatore delle serie di successo “Glee” e “American Horror Story”, solo per citarne alcune, e che è tornato alla ribalta recentemente con “The Politician” e la miniserie “Hollywood” ha optato, stavolta, per il grande schermo (o meglio quello di Netflix) con il film “The Prom”.

Il film è l’adattamento cinematografico dell’omonimo musical del 2016.

La storia ruota attorno alla giovane Emma che vorrebbe partecipare al ballo della propria scuola con la propria compagna, ma, proprio per questo motivo, è allontanata e invitata a non prenderne parte. Dal momento che lei continua a perorare la propria causa, il ballo viene cancellato e la ragazza si ritrova a subire le lamentele da parte di tutti che la incolpano della cancellazione di quello che tutti considerano l’evento dell’anno. Parallelamente alla vita non troppo fortunata, per il momento, di Emma, ci sono le vicende di due star di Broadway in declino: Dee Dee Allen e Barry Glickman. I due, grazie agli amici più stretti, vengono a sapere della problematica che affligge Emma e decidono di partire per l’Indiana per aiutarla a far valere i suoi diritti, ma soprattutto per riabilitarsi agli occhi del pubblico.

Da queste premesse viene fuori un musical che mantiene intatte le tracce originali (a parte l’inserimento di due nuovi brani) e porta sullo schermo qualcosa nato esclusivamente per il palcoscenico. E lo fa tra tanti colori e tante paillettes.

La storia è piacevole e scorre senza problemi trasportando il pubblico in un mondo luminoso e, tranne in alcuni frangenti, divertente. Il problema è che non arriva mai a toccare veramente le corde dello spettatore che si trova di fronte a qualcosa di scontato e va avanti per il mero gusto dello spettacolo. Importanti e profondi i temi toccati e l’attenzione a un’attualità forse spesso fin troppo dimenticata o lasciata in secondo piano. Il tema centrale, quello dei diritti della comunità LGBTQ è il vero fulcro della storia, ma a questo si va a mescolare, in maniera quasi perfetta, anche un altro aspetto: quello del ruolo degli attori e dell’importanza che personaggi del genere riescono a ricoprire, sia quotidianamente sia in relazione a cause di particolare interesse, come in questo specifico caso. L’apporto che hanno le due star di Broadway e gli amici è quasi fondamentale per la giovane Emma che comprende anche il reale motivo che ha spinto gli attori ad arrivare a lei. Grazie a loro, alle loro parole, alle loro performances e al loro carisma il pubblico coinvolto è sempre di più e rimane anche ammaliato da ciò. Questo a dimostrazione, appunto, del grande appeal che possono avere per perorare cause, per invitare i fan a comportarsi in certi modi e cose del genere. Ci sono vari momenti, all’interno del film, nei quali si riflette su questo aspetto, sottolineandone l’importanza.

Ultimo elemento, ma tutt’altro che per importanza, il cast del film. Forse non sfruttato al meglio perché alcuni personaggi avrebbero meritato un maggiore approfondimento per capire anche meglio determinate scelte, ma è indubbia la supremazia della grande Meryl Streep che, a 71 anni, continua a mettersi in gioco in maniera impeccabile riuscendo sempre a lasciare il segno.


Veronica Ranocchi

TEENAGE BOUNTY HUNTER

Teenage bounty hunters

di: AA.VV.


(da un’idea di Kathleen Jordan)

con: Maddie Phillips, Anjelica Bette Fellini, Kadeem Hardison, Virginia Williams, Mackenzie Astin, Devon Hales, Spencer House, Shirley Rumierk, Myles Evans


Stag I

ep. I-X

[durata media: 49’ ep./ca.]

- USA 2020 -





Jessica [instr.]

— The Allman Brothers Band —





Sarebbe di nessuno interesse, se non andasse a ispessire la copia delle cognizioni avvilenti, la notizia circa la chiusura, dopo una sola stagione protrattasi per dieci episodi, della serie “Teenage bounty hunters” la quale, forse - e sia detto a posteriori - Netflix aveva messo in cantiere suo malgrado o nonostante i propri standard, variegati e smaglianti in superficie quanto di fondo occhiutamente codini (notando, tra l’altro, che il titolo originale dell’opera, tosto censurato, suonava come Slutty teenage bounty hunters, ci si può volendo fare un’idea riguardo la politica, quantomeno ondivaga su più direttrici, della piattaforma). L’illazione trova comunque ulteriori argomenti rovistando tra le minuzie sparse di un lavoro a tal punto coincidente con tutta una serie di costanti e luoghi comuni riconducibili a un certo modo-di-vivere-americano (qui, quello buono per una particolare razza bianca affluente/conservatrice/timorata-di-Dio ma disorientata dalle spinte opposte rappresentate dalla volontà di salvaguardare il proprio status in cima alla piramide alimentare, nonché l’eredità discutibile di taluni suoi retaggi - la ribadita compartimentazione dei ceti con annesso sempiterno fascino fricativo del denaro; la genetica fissazione per le armi; il razzismo più o meno strisciante; l’orgoglio nostalgico per una grandezza perduta dalla cui cassetta degli attrezzi e per il tramite delle rievocazioni storiche fa capolino persino un rimpianto che recita a caratteri cubici The South was right - da un lato, e le trappole vischiose del politicamente corretto, dall’altro, nella Georgia dei nostri giorni: Atlanta, per la precisione) da lasciare scoperta, e proprio in virtù dell’estremizzazione parodistica dei birignao collettivi e relativi passe-partout linguistici, delle ingenuità quasi infantili e delle ipocrisie calcolate al millimetro - l’insieme di ogni spinta messa a dialogare col sorriso sulle labbra dal pretesto, utilizzato a mo’ di filo rosso, di una trattazione di genere (latamente demenziale-investigativa) - la trama sfuggente dell’inconscio di una nazione che, ancora una volta, trova nelle proprie contraddizioni sociali, economiche, attitudinali (e nel tentativo di esorcizzarle ridicolizzandole) la ragione di una sempre sorprendente aderenza ai tempi.



Del resto, le vicende delle non proprio gemelle (anche se nelle intenzioni della Jordan, ispiratrice del progetto portato poi a termine a più mani, così vengono definite, con tanto di intesa sororale subliminale e rivelazione traumatica in limine) Sterling/Phillips e Blair/Fellini del casato Wesley e, a voler essere pignoli, non proprio adolescenti (sia la canadese Phillips che la newyorkese Fellini viaggiano invero ben oltre la ventina), astute ma di leggiadra fatuità, latrici di una innocua e scanzonata zoccolaggine, cripto-beghine e sboccate, endocrinologicamente appetibili da tutte le varietà della fauna maschile, come di quando in quando interpellate da moleste remore interiori, sin da subito ben si prestano a ripercorrere incarnandolo buona parte del campionario delle manie/antinomie/dabbenaggini del Grande Paese. Se è innegabile, infatti, che la malinconia è tale soprattutto perché si nutre di contrasti, già vedere all’opera le due rampolle che si barcamenano tra la rigidità leccata dell’esclusiva Willingham Academy, istituzione privata d’impostazione cattolica quasi pre-conciliare, pronta in punta di retorica a vedere il Male pure in un’alba con troppe nuvole e nel sesso tra adolescenti la distruzione sicura della sana famiglia da santino devozionale, e il molto più prosaico quanto non meno sconclusionato microcosmo farcito di teppiste in erba, piccoli cialtroni della truffa, stripper sovrappeso, borghesucci dalla doppia vita e dalle altrettante morali, spacciatori rimbambiti, casi umani assortiti e minutaglia traffichina senza storia, da loro affrontato nella veste di apprendiste cacciatrici di taglie agli ordini del burbero dal cuore d’oro Bowser/Hardison che un po’ le sfotte un po’ le sostiene e protegge, allo stesso tempo riconcilia e intristisce al cospetto di un pensiero ricorrente che sotto lo stupore e la simpatia epidermica suscitati da situazioni sul crinale di un iperrealismo coloratissimo da slapstick comedy gagliardamente artificiosa e truce - chissà quanto poi sul serio immaginifico, quest’iperrealismo, e non invece già abbondantemente superato dal carnevale permanente e sinistro di una realtà ormai del tutto fuori sesto (vedi, ad esempio, “The Florida project”) - non può esimersi dall’intravedere i lineamenti sfatti e languenti di quella che va ancora in giro ad autoproclamarsi come la più-grande-democrazia-del-mondo. 



In tal senso, diventa allora addirittura consolatorio, per non dire incoraggiante che, come chiunque fosse chiamato a tirare in ballo l’esempio di Cristo pure per sbucciare una mela, le ragazze - bionda, suonatrice d’arpa, cecchino naturale, Rappresentante dell’anno della Confraternita degli Studenti, in apparenza docile, a tratti svampita con rigurgiti da maestrina repressa riscattati da lampi di irriverente perspicacia (Blair: “Bere fa male, Sterl”. Sterling: “Anche ignorare i piaceri della carne”), Sterling (la cui mimica e naïveté perplessa sembrano lambire, qua e là a margine delle inquadrature e per quanto alla lontana, le leggendarie esitazioni di Stan Laurel); bruna, ciclotimica, portiere della squadra di lacrosse, irruente nel suo proposito di apparire/essere al tempo ribelle e sexy, sostenuta da una logica capziosa incline al sarcasmo e improvvise retromarce bas-bleu, Blair - gira gira non facciano che rimuginare, fantasticare, ciarlare di sesso, al punto che proprio la virginale Sterling - per il contrito scorno di Blair - da brava acqua cheta e senza troppi indugi un giorno passa all’azione nella certezza che lassù, da qualche parte, il buon Dio vegli su di lei e bonariamente annuisca, mettendo in mezzo (anzi sotto) la vittima del momento, Luke Creswell/House, bietola iper-vitaminizzata a mezzo tra un votato per complessione al colesterolo e un Big Jim intronato dai troppi predicozzi somministratigli durante la crescita (con tanto di chitarra che si ostina a brutalizzare non avendo la minima idea di come cavarne note coerenti), e conquistando sul campo il trofeo simbolico di gemella troia/slutty twin da sempre conteso dalle due (Blair: “Si vede che hai scopato”. Sterling: “Abbiamo fatto l’amore”. Blair: “Cioè ? Tipo scopare ma più piano ?”). Nulla osterebbe, cioè, a una rimasticatura - a seconda dei palati e degli apparati digerenti, allettante/respingente - nel rispetto degli oliatissimi ingranaggi di un filone genericamente adolescenziale da tempo divenuto mero bacino da cui estrarre quasi senza soluzione di continuità le medesime materie prime (arrivismo/auto-emarginazione, ricerca esasperata della cosiddetta coolness, senso di inadeguatezza, adesione maniacale alle mode, crucci sulla popolarità, et.) - e di questo estremo processo di stereotipizzazione Netflix ne sa più di qualcosa - se non intervenisse, permeando di sé l’intero sviluppo narrativo e psicologico della faccenda, il proposito di un disegno, questo di sicuro consapevole, atto a orientare ogni gesto e ogni parola, e quindi il significato stesso di ciò che si rincorre sullo schermo al ritmo che alterna gag a rifiati meditativo-sentimentali, alla caricatura e alla dissacrazione come parimenti all’autoironia e all’accettazione, risultando, per quanto lineare sino allo schematismo e intrinsecamente superfluo in virtù della sua destinazione elettiva al gran calderone del distratto intrattenimento di massa, più leggero, possibilista, non moralistico in senso davvero moderno (ed è questo, ovviamente, uno dei tipici paradossi americani sopra evocati), di tanti prodotti affini.



Siffatta osservazione non sarebbe in ogni caso plausibile se non si prendesse per giunta nota del reiterato tono digressivo-demistificatorio emblematico del rumore di fondo comunicativo contemporaneo che in orizzontale attraversa “Teenage…”, sia quando si orchestrano siparietti domestici in stile famiglia perbene (con una madre, Debbie/Williams, ex Miss Georgia, barbie semiplastificata, dal passato turbolento e dal presente in interessata sintonia con un milieu costituito perlopiù da coetanee soavemente alcolizzate appartenenti al Circolo del Libro, e un padre, Anderson/Astin, mite e impacciato, quasi estratto di peso da una qualche pubblicità sulle esposizioni di arredamenti da giardino), sia quando si scimmiotta il piglio avventuroso di autentici intrecci polizieschi al passo di incalzanti brani industrial metal ma più di tutto quando, nel corso di istanti di candida sospensione o cauto sconcerto, nei momenti in cui l’effervescenza dispersiva della giovinezza lascia il posto a una sorta di apatia inquieta, si riflette sui vicoli ciechi imposti da un’osservanza religiosa tanto letterale quanto acritica la cui obiettiva impraticabilità scatena nelle protagoniste uno spesso irresistibile incrociarsi di sanguigno umorismo e maliziosa impertinenza. Di concerto risulta perciò più agevole comprendere come le circostanze che coinvolgono Sterling e Blair possano con un buon grado di approssimazione collocarsi più dalle parti della sfacciataggine amena, dell’estro anarcoide, del cazzeggio scatologico e fuori-di-testa dell’ultimo Kevin Smith (in particolare quello di “Red State” e “Yoga hosers”), che da quelle inscritte nelle geometrie maiolicate e scenograficamente affrante di, per dire, “Riverdale”. E questo in particolar modo per dare, infine, il giusto risalto al fatto per cui le due adorabili svitate (come le apostrofa sovente senza acrimonia Bowser), nonostante l’inconsistenza di un mondo fatto per lo più di miraggi materiali, ossia di paradisi cretini oltreché fasulli, in barba alle consuetudini retrive della mentalità prevalente e dell’educazione, indotte a scegliere non esitano a innamorarsi rispettivamente della sua amica-nemica dai tempi delle elementari, April/Hales (Sterling) e di un ragazzo afro-americano in origine sempre snobbato, Myles/Evans (Blair), dai quali vengono però rifiutate in base a quegli stessi pregiudizi a loro attribuiti in quanto esponenti di una cerchia privilegiata. April, lesbica irrisolta e pavida, lascerà Sterling (al contrario, ragazza dalla sessualità fluida, quindi curiosa e pronta a sperimentare), condizionata da una figura paterna che notoriamente “odia i froci”. Myles allontanerà di fatto Blair mettendo in atto un sottile gioco di discriminazione al contrario allorché farà prevalere la più conformista delle ragioni di stato (la madre è in campagna elettorale per la rielezione a un seggio senatoriale e nulla deve turbare il quadretto idilliaco con al centro la borghesia nera, agiata e progressista da vendere ai media) sulla crescita di una sincera relazione amorosa. Pertanto, se, come fece balenare a suo tempo lo stesso Smith, non è così campata in aria l’eventualità - benché immeritata da parte di un genere umano in gran numero profondamente e convintamente ottuso - per cui Dio è Alanis Morissette, inteso come quintessenza di un principio unificatore femminile, di certo Lei sorriderà tra Sè nel riconoscere in Sterling e Blair tanto un esempio fulgido della Sua opera, quanto la prova dell’opportunità della Sua esistenza.

TFK