giovedì, novembre 14, 2013

Oh Boy , un caffè a Berlino

Oh Boy, un caffè a Berlino
di Jan Ole Gerster
con Tom Shilling, Friederike Kempter, Marc Hosemann
genere, commedia
durata, 83
 
La ragazza ti molla, lo psicologo decide che non sei pronto per riavere la patente, tuo padre scopre che hai abbandonato gli studi da due anni e ti toglie il sostegno economico: queste alcune delle sventure del giovane Niko, che si articolano durante una giornata trascorsa vagando per Berlino.

Opera d'esordio del regista tedesco Jan Ole Gerster, colpisce piacevolmente per l'eleganza della messa in scena, un bianco e nero che ricorda in parte Wim Wenders e in parte la migliore commedia all'italiana. Un'efficace musica jazz accompagna la tragi-comica erranza del protagonista,  apatico da ogni cosa e da ogni persona che incontra sul suo tragitto.  Come suggerisce il sottotitolo italiano, l'impossibilità di prendere un caffè diventa il leit motiv che si articola tra le sventure del personaggio interpretato da  Tom Schilling, il muro che erige tra sè e ciò che lo circonda è quasi sempre invalicabile, se non in due opportunità di incontro con due anziani (il secondo emotivamente toccante). La gag spesso sembrano essere brillante reinvenzione autoriale del Woody Allen dei bei tempi, anche se a volte diventano scontate e velleitarie.

Pochi errori che si possono concedere ad un'opera prima nel complesso ben riuscita; in patria ha sicuramente maggiore potenzialità di consenso visti i richiami, seppur velati e mai opprimenti, ad una storia particolare e ancora "calda"  come quella di Berlino. Il disturbo emotivo evidenziato dallo psicologo in apertura, si conferma con la risposta sintetica,  con leggerezza poetica, che Niko da al padre quando questi gli chiede cosa avesse fatto in  due anni di niente:

"Ho pensato"
di Antonio Romagnoli

2 commenti:

Marco Goi ha detto...

come dici non perfetto, però per un esordio è giusto che sia così.
io l'ho adorato

Antonio Romagnoli ha detto...

Si infatti anche a me è piaciuto moltissimo, speriamo faccia belle cose in futuro