giovedì, aprile 02, 2015

THIRD PERSON

Third Person
di Paul Haggis
con Liam Neeson, Adrian Brody, James Franco, Olivia Wilde, Mila Kunis
Usa, 2013
genere, drammatico
durata,

Prima di diventare un regista di successo, capace di trionfare in una memorabile edizione degli Academy Awards con uno di quei film destinati a figurare nella categoria dei belli e impossibli per l'esiguità del budget e la complessità dei contenuti, Paul Haggis si era fatto le ossa con una lunga gavetta di sceneggiatore sia alla televisione che al cinema, diventando in questa veste sodale del grande Clint Eastwood, con cui ha condiviso i trionfi dell'ultimo scorcio di carriera del regista americano
Un Dna che il regista americano non ha mai perso, e che anzi continua ad essere il segno di distinzione di un cinema fatto di storie e di scrittura. Caratteristiche che un film come Third Person" conferma nell'articolazione   della trama, suddivisa in tre storie che nascono e si sviluppano dall'incontro reale e figurato di sentimenti e vicissitudini di personaggi costretti a subire gli smacchi di un esistenza  - alla maniera di capolavori come "Million Dollar Baby" e "Crash" - costellata da rimorsi e sensi di colpa, alla quale tutti si oppongono con un pentimento quasi mai adeguato alla posta in gioco. Ma non solo, perchè nella distanza, solo apparente, che separa il quotidiano dei vari personaggi, Haggis continua ad indagare i motivi di un esistenzialismo in cui la volontà di riscatto si scontra con la difficoltà di operare un vero cambiamento. Così, se il punto di partenza dei singoli episodi è lo stesso, con l'espiazione dell'antico peccato direttamente legata all'assenza della persona amata (un figlio, una moglie, un marito), "Third Person" segue strade differenti, dividendosi per i rivoli di una natura umana mutevole ed eterogenea che non mancherà di manifestarsi nelle sue molte contraddizioni.

Dopo il sottovalutato "The Next Three Days" Paul Haggis torna all'antico con una struttura che, nelle continue ellissi narrative e nella dilatazione dell'elemento temporale ben si addice allo spaesamento emotivo dei personaggi, acuito questo, da un senso di sradicamento in parte derivato dalla scelta di collocare i personaggi (americani) al di fuori del loro abituale contesto; buona parte del film è infatti girato in Europa (Parigi e Roma) e in serie continua di non luoghi che diventano territorio di una condizione umana universale e condivisa. Se la direzione degli attori e la capacità di fondere storie diverse in un unico racconto rimane inalterata, questa volta l'abilità di mantenere alta la tensione drammatica - con l'utilizzo di canoni che potrebbero essere quelli di un thriller esistenziale - è in parte ridotta da una riconoscibilità - formale e stilica - che, nella sua ricercata perfezione, rischia di diventare maniera.

3 commenti:

STAFANIA STEFANIA ha detto...

Molto molto bello. Da vedere assolutamente.

STAFANIA STEFANIA ha detto...

Bellissimo film. Da vedere.

Anonimo ha detto...

Mi fa piacere sentire apprezzamenti su Haggis perchè trovo ingiuste certe critiche mosse nei suoi confronti a proposito dei suoi ultimi film. Mi riferisco a questo ma anche al precedente The Next Three Days..

nickoftime