giovedì, dicembre 06, 2012

FIlm Telecomandati: Solo due ore

Solo due ore (16 Blocks)
di Richard Donner
con Bruce Willis, Mos Def
Usa 2006


Bruce Willis prende coscienza del tempo che và. Visibilmente appesantito nella camicia deformata dalla presenza di una pancia che si fa vedere, e con indosso vestiti che avrebbero bisogno di un bucato in lavatrice. E’ così che appare l’attore, lontanissimo dalla tonicità oliata e guascona esibita nella quadrilogia del grattacielo, e più vicino ad un umanesimo da film esistenziale. Il regista ci mette del suo, infierendo con delle immagini che c’è lo mostrano malfermo e claudicante, perennemente affaticato dagli sforzi di un vita già finita. In realtà è un’ enfasi fatta apposta per esaltare quello che viene dopo, e cioè un film d’azione serratissimo in cui un poliziotto prossimo alla pensione, Jack Mosley deve attraversare i sedici isolati che dividono la cella dov’è detenuto Eddie Bauer dal tribunale dove lo deve scortare per farlo testimoniare contro una banda di insospettabili manigoldi. In questo contenitore di adrenalina e spostamenti Bruce Willis finisce per indossare di nuovo il costume da super eroe, pur mantenendo intatta l’incipiente dismissione. 

Il contrasto tra realtà ed apparenza è entusiasmante, e “Bruno” risulta credibile per l’intero tragitto. Sviluppato all’interno di un’unità di tempo  che tiene conto del titolo e sembra svolgersi in diretta, “Solo due ore” (16 Blocks, 2006)  flirta con il cinema western trasformando il centro urbano in una specie di Fort Apache, con Mosley costretto a districarsi dai tentatoli di un mondo caotico e sovraffollato, dominato dai rumori e dalla paura dell’ennesimo agguato messo a punto da chi vuole impedirgli di portare a termine la missione. Richard Donner è un artigiano d’altri tempi. Mettendo a sistema la clessidra temporale che agita la storia con le facce stravolte dei due protagonisti riesce a far sentire la tensione che ne accompagnano le gesta. Sembra cinema degli anni 80 ancora influenzato da quello della decade che l’aveva preceduto. Ci sono il pragmatismo grezzo di “Dirty Harry” e le emozioni dell’azione senza effetti speciali. Assolutamente impedibile. E Bruce Willis con un perfetto understatement interpretativo azzecca uno dei suoi ruoli migliori. 

Rai 3 ore 21,05 
durata  105'

 

2 commenti:

Frank ha detto...

Gran bel film, che destruttura il genere...

Anonimo ha detto...

vero, ed è anche l'ennesima dimostrazione di come si possa fare grande cinema da un plot semplice e molto sfruttato.. il "come" nel cinema di oggi fà la differenza..

nickoftime