giovedì, ottobre 16, 2008

ITALIA '70 - IL CINEMA A MANO ARMATA

Terza puntata - Gli attori (2)


mario adorf MARIO ADORF

Nasce a Zurigo nel 1930 da una relazione clandestina tra un infermiera alsaziana e il chirurgo calabrese Matteo Menniti.
Attore feticcio di FERNANDO DI LEO (al quale sarà dedicata una puntata della nostra rubrica) è uno dei protagonisti dei gialli-noir del regista foggiano: MILANO CALIBRO 9 e LA MALA ORDINA.
E' al fianco di E.M. SALERNO in LA POLIZIA RINGRAZIA (1972).
Nel suo curriculum film di assoluto valore e dal buon successo commerciale come L'UCCELLO DALLE PIUME DI CRISTALLO (1970) di Dario Argento, IO HO PAURA (1977) di Damiano Damiani con l'immenso G.M. VOLONTE' e anche FRANCESCO (1989) di Liliana Cavani.

Filmografia Poliziesca:
Il caso venere privata 1970;
La violenza: quinto potere 1971;
La polizia ringrazia 1972;
Milano calibro 9 1972;
La mala ordina 1972;
Processo per direttissima 1974;
La polizia chiede aiuto 1974;
Io ho paura 1977;


maurizio merli MAURIZIO MERLI

Merli divenne nella seconda metà degli anni '70 uno degli attori piu' noti e richiesti del genere poliziesco.
L'esordio nel genere avvenne nel 1975 in ROMA VIOLENTA diretto da Marino Girolami (il papà di Enzo G. Castellari) che voleva un protagonista esteticamente simile a Franco Nero che tanto successo aveva avuto con LA POLIZIA INCRIMINA LA LEGGE ASSOLVE diretto proprio dal figlio di Girolami.
M. Merli, infatti, si fece crescere appositamente i baffi che poi diventarono il suo marchio di fabbrica.

Il film, anche se non tra i migliori del genere fu un successo strepitoso tanto che incassò oltre due miliardi di lire (stiamo parlando del 1975).
Merli interpretava esclusivamente personaggi di poliziotti duri, stanchi del lassismo della legge e dei magistrati. In seguito Merli fu valorizzato da U. LENZI con il quale realizzò film di livello superiore a quello del suo esordio nel genere.
Merli era molto apprezzato e ammirato dai registi, perchè quasi sempre, anche in occasione di scene pericolose rifiutava le controfigure.
Col finire degli anni settanta e con il tramonto del genere poliziesco, MERLI fece fatica a trovare spazio nel mondo del cinema e i suoi tentativi di riciclarsi in altri generi cinematografici furono un fallimento.
Maurizio Merli morì d'infarto il 10 marzo 1989, a soli 49 anni mentre giocava a tennis con un amico.

Filmografia Poliziesca:
Roma violenta 1975;
Roma a mano armata 1976;
Napoli violenta 1976;
Paura in città 1976;
Italia a mano armata 1976;
I gabbiani volano basso 1977;
Il Cinico, l'infame, il violento 1977;
Poliziotto sprint 1977;
Un poliziotto scomodo 1978;
Il commissario di ferro 1978;
Sono stato un'agente Cia 1978;
Poliziotto senza paura 1978;
Da Corleone a Brooklyn 1979;
Sbirro la tua legge è lenta..la mia..no! 1979;
Poliziotto solitudine e rabbia 1980;Buitres sobre la ciudad 1980.


luc merenda LUC MERENDA

Modello francese con qualche fotoromanzo alle spalle, viene notato e scelto da SERGIO MARTINO per il ruolo del protagonista di MILANO TREMA: LA POLIZIA VUOLE GIUSTIZIA (1973).
Il successo è notevole e LUC MERENDA girerà altri film con S. Martino, vale a dire: I CORPI PRESENTANO TRACCE DI VIOLENZA CARNALE (1973) e LA POLIZIA ACCUSA : IL SERVIZIO SEGRETO UCCIDE (1975) uno dei primi film ad affrontare il tema dei servizi segreti deviati.
Finita la parentesi del poliziesco italiano Luc Merenda interpreta ruoli secondari in alcune commedie come SUPERFANTOZZI e I POMPIERI 2.
All'inizio degli anni '90 si ritira nella natìa Francia dove intraprende il lavoro di antiquario.

Filmografia Poliziesca:
Milano trema: la polizia vuole giustizia (1973);
I corpi presentano tracce di violenza carnale (1973);
L'uomo senza memoria (1974);
Il poliziotto è marcio (1974);
La polizia accusa: il servizio segreto uccide (1975);
La città gioca d'azzardo (1975);
La città è sconvolta: caccia spietata ai rapitori (1975);
Il conto è chiuso (1976);
Gli amici di Nick Hezard (1976);
La banda del trucido (1977);
Italia ultimo atto? (1977);
Napoli si ribella (1977);
Il commissario Verrazzano (1978);
Bersaglio altezza uomo (1979).

3 commenti:

Anonimo ha detto...

Mi ha molto incuriosito, questa terza puntata, credo che spesso alcuni degli attori, siano davvero di un livello medio alto, ripensandoci oggi, in alcuni casi la loro presenza da quella qualità che spesso il genere di film nn aveva. Più dei film, io ho memoria proprio degli attori, questo mi fà venire in mente una domanda fabrizio:- che fine ha fatto un certo Antonio Sabato?
Ciao
Valerio

Anonimo ha detto...

Caro Valerio, Antonio Sabato fa parte di quella categoria che io chiamo "comprimari" alla quale presto sarà dedicata una puntata di questa rubrica A proposito, la prossima sarà dedicata a noi maschietti).Continua a seguirci e presto saprai....
FABRIZIO

andreaf. ha detto...

Caro Fabrizio, complimenti per questi appuntamenti sempre di altissimo di livello.
Di Luc Merenda ricordo particolarmente i film di S.Martino specie "Milano trema" con la splendida colonna sonora dei mitici Oliver Onions, mentre lo trovo fuori ruolo nel gran bel thriller/splatter "I corpi".
Di Merli invece ricordo con piacere i sei film girati con S. Massi, dal bellissimo "Poliziotto sprint" a "Poliziotto solitudine e rabbia" che segnerà praticamente la fine della carriera dell'attore, poichè i produttori gli preferiranno Fabio Testi.
Ti saluto in attesa del prossimo appuntamento.