sabato, febbraio 28, 2009

un matrimonio all'inglese

di Ethan

nonostante molte bollicine, questo adattamento di stephen elliott una volta stappato e versato nel bicchiere risulta sfiatato.

jessica biel interpreta un'orgogliosa americana che arriva nella ricca dimora avita del suo nuovo marito (ben barnes), scontrandosi con una madre (kristin scott-thomas) altrettanto fiera del suo status, e con una cognata infida.

i maliziosi dialoghi di coward, nella sceneggiatura di elliott, suonano pigolanti e rozzi e l'atmosfera generale sembra sforzarsi di apparire la briosa (e orrenda) versione "vecchio stile" di una hit da discoteca. colin firth, nel ruolo del capofamiglia, sembra un turista in visita sul set.
l'unica cosa riuscita sono i costumi di jessica biel.
la cosa peggiore è che in un film tratto da una commedia di noel coward non si riesca a fare una singola risata.

5 commenti:

veri paccheri ha detto...

mi sento di condividere a pieno la tua impressione su questo film. anche a me firth ha delusa. mi ha divertita nel complesso la storia, ma non è così esilarante. è humor inglese, vabbè, però si poteva fare di meglio. greenaway avrebbe osato di più, e funeral party, ad esempio, m'è sembrato davvero più carino.

parsec ha detto...

Ciao Ethan, abbiamo pubblicato la tua rece a supporto della visione del film fatta nel w.e.
Tutto sommato l'eleganza non è sostenuta dalla sostanza per cui c'è molta maniera sia nei dialoghi che nelle scelte stilistiche. Qualche risata strappata da Jessica Biel il cui volto è perfetto per gli anni trenta.

Anonimo ha detto...

Mi avevano detto che il film era evitabile e voi lo confermate.
un saluto a tutti
nickoftime

ethan ha detto...

addirittura una rubrica tutta per me, grazie. Concordo con quanto voi avete aggiunto. Parsec hai proprio ragione, non avevo notato che il volto di Jessica Biel si sposa con perfettamente con il periodo di riflessione.

parsec ha detto...

Abbiamo pensato che "Be Kind, Rewind" fosse il titolo giusto, perché in considerazione della grande quantità di film che riesci a vedere sei la nostra videoteca. Grazie a te.